Il diplomato di istruzione professionale nell'indirizzo “Servizi culturali e dello spettacolo” interviene nei processi di ideazione, progettazione, produzione e distribuzione dei prodotti audiovisivi e fotografici nei settori dell’industria culturale e dello spettacolo e dei new media, con riferimento all'ambito locale, nazionale e internazionale. Il diplomato è capace di attivare e gestire processi applicativi e tecnico- espressivi, valutandone criticità e punti di forza. Produce, edita e diffonde in maniera autonoma immagini e suoni, adattandoli ai diversi mezzi di comunicazione e canali di fruizione: dal cinema alla televisione, dallo smartphone al web, dai social all'editoria e agli spettacoli dal vivo e ogni altro evento di divulgazione culturale.

L’indirizzo di studi fa riferimento alle seguenti attività, contraddistinte dai codici ATECO adottati dall'Istituto nazionale di statistica per le rilevazioni statistiche nazionali di carattere economico
J - SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE
J - 59 ATTIVITÀ DI PRODUZIONE CINEMATOGRAFICA, DI VIDEO E DI PROGRAMMI TELEVISIVI, DI REGISTRAZIONI MUSICALI E SONORE
J - 60 ATTIVITÀ DI PROGRAMMAZIONE E TRASMISSIONE M - ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE
M - 73 PUBBLICITA' E RICERCHE DI MERCATO
M - 74 ALTRE ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE
R - ATTIVITÀ ARTISTICHE, SPORTIVE, DI INTRATTENIMENTO E DIVERTIMENTO
R – 90 ATTIVITA' CREATIVE, ARTISTICHE E DI INTRATTENIMENTO CORRELAZIONE AI SETTORI ECONOMICO-PROFESSIONALI
Il Profilo in uscita dell’indirizzo di studi è correlato al seguente settore economico-professionali:
SERVIZI CULTURALI E DI SPETTACOLO.
SBOCCHI PROFESSIONALI E PERCORSI DI STUDIO:
Il diplomato in “Servizi culturali e dello spettacolo” lavora all'interno di quella che viene definita "impresa culturale creativa” cioè quel settore economico in forte espansione che riguarda l’intrattenimento e la fruizione di contenuti culturali sia tramite la fruizione tradizionale dal vivo (spettacoli musicali, teatrali, di danza, visite ai monumenti, musei, e mostre) sia tramite i canali tecnologici (radiofonia, televisione, media digitali).
Gli sbocchi professionali preferenziali sono la comunicazione radiofonica;
  • la produzione web, compresi siti e social;
  • la produzione e realizzazione di spettacoli dal vivo, musicali e teatrali;
  • la catalogazione, conservazione, gestione e fruizione di materiali audiovisivi musealizzati;
  • la costruzione di percorsi di visita ai musei e alle mostre tramite strumenti digitali.
Il diplomato acquisisce le competenze per esercitare le professioni di:
  • scenotecnico, tecnico del suono, tecnico delle luci, tecnico degli effetti speciali;
  • di organizzatore di festival, rassegne cinematografiche, teatrali, di danza.
Può proseguire i suoi studi nell'istruzione tecnica superiore (I.F.T.S. e I.T.S) e nell'università con accesso a tutti i corsi di laurea.
QUADRO ORARIO 

DISCIPLINE

1^

2^

3^

4^

5^

Lingua italiana

3

3

 

 

 

Lingua inglese

2

2

 

 

 

Storia

1

1

 

 

 

Geografia

1

1

 

 

 

Matematica

4

3

 

 

 

Lingua Spagnola

2

1

 

 

 

Diritto ed Economia A-46

2

2

 

 

 

Scienze motorie e sportive

2

2

 

 

 

Religione

1

1

 

 

 

Totale Area Generale

18

16

 

 

 

Scienze Integrate

2

2

 

 

 

TIC

2

2

 

 

 

Tecniche Tecnologie  comunicazione visiva

3

4

 

 

 

Linguaggi fotografici e dell’Audiovisivo

2

2

 

 

 

Laboratori tecnologici ed esercitazioni

5

6

 

 

 

Totale Area di Indirizzo

14

16

 

 

 

Totale

32

32

 

 

 


Qualifica triennale: non è prevista per questo indirizzo